Italia, Cristante: «Vogliamo provare a ripeterci. Puntare al massimo senza porci limiti»

13.06.2024 17:45 di  Francesco Vigliotti   vedi letture
Italia, Cristante: «Vogliamo provare a ripeterci. Puntare al massimo senza porci limiti»

L’attesa sale. EURO 2024 si avvicina; venerdì sera a Monaco la gara inaugurale tra Germania e Scozia, sabato a Dortmund l’esordio dell’Italia nel Gruppo B contro l’Albania. A Iserlohn, l’entusiasmo per il primo allenamento davanti a 4.000 spettatori ha lasciato il posto alla concentrazione. L’Italia difenderà il titolo conquistato nel 2021 a Wembley, e Bryan Cristante c’era. “Siamo carichi, siamo pronti, stiamo lavorando forte – le parole del centrocampista della Roma in un’intervista alla UEFA -.  Abbiamo fatto un bellissimo ritiro, ci siamo preparati e allenati bene. Non vediamo l’ora di iniziare. I tanti tifosi ci fanno sentire più a casa, sappiamo che qui gli italiani sono tanti, che c’è tanta passione. Ce l’hanno dimostrato al campo ma anche tutti i giorni, all’arrivo, fuori dall’hotel. Vogliamo renderli orgogliosi come vogliamo rendere orgogliosi tutti gli italiani che sono a casa. Faremo il massimo per loro. Martedì è stato bellissimo, è bello avere tante persone che tifano per te, soprattutto se ti trovi all’estero. Ti fanno sentire a casa. E quindi dovremo dare il 100% per renderli orgogliosi”.

Rispetto alla squadra di tre anni fa sono cambiati diversi giocatori ma, come affermato in conferenza stampa da Giovanni Di Lorenzo, “il gruppo ha la stessa anima di quello del 2021”. “Quel ricordo resterà sempre vivo – ha proseguito Cristante –. Sarà un ricordo bellissimo per tutta la vita, ma il calcio è così. Bisogna sempre andare avanti. C’è sempre una nuova competizione. Siamo arrivati alla fine di questi quattro anni da campioni in carica. Adesso si rimette tutto sul campo ma vogliamo dimostrare che siamo ancora lì tra le più forti”.

A centrocampo, la concorrenza è tanta, con diversi giocatori in rampa di lancio che scalpitano per trovare un posto: “Forse questo è un gruppo un po’ più giovane, con meno anni sui campi. Ma anche questo è un gruppo forte con un allenatore altrettanto forte. Stiamo lavorando bene, la stiamo preparando nel miglior modo possibile. Non vediamo l’ora di iniziare. Abbiamo tanti ottimi giocatori a centrocampo, è sempre meglio averne di più che di meno. C’è sempre una bella concorrenza, ce la possiamo giocare tutti. Possiamo entrare tutti. Vogliamo fare bene, sappiamo che si vince solo stando bene insieme, collaborando uno con l’altro. Sappiamo come si fa e vogliamo ripeterci”.

Al centro dell’attacco, invece, largo a Scamacca, Retegui, con anche Raspadori in grado di ricoprire la posizione avanzata. “Abbiamo tanti attaccanti forti – ha spiegato Cristante -. Magari non sono ancora nelle grandi squadre, nelle big. Però Scamacca ha dimostrato di poter far bene, Retegui ha fatto bene nel Genoa quest’anno. Era il primo anno in Europa e non è facile. Penso che abbiamo un buon attacco, ma siamo coperti in tutte le posizioni. Abbiamo un’ottima squadra, un allenatore fortissimo. Vogliamo iniziare bene e dimostrare sul campo che siamo i campioni in carica”.

Si comincia da Dortmund, dall’Albania e da tanti giocatori che militano nel campionato italiano: “L’Albania è una squadra forte, come lo sono tutte in Europa. Sono difficili da affrontare, hanno tanti calciatori che giocano con noi e contro di noi in campionato. Sicuramente ci conoscono bene, sanno come affrontarci e forse questa è la più grossa insidia. Però sappiamo che se diano il 100% e restiamo concentrati sull’obiettivo, possiamo vincere. Partire bene diventa ancora più importante in un girone così. Tutte le partite diventano fondamentali: Spagna e Croazia in questi anni hanno dimostrato di essere grandi squadre, ma l’abbiamo dimostrato anche noi. Come è tosto per noi, è tosto anche per gli altri. Lo sappiamo e non possiamo permetterci passi falsi”.

Daniele De Rossi, allenatore di Cristante nella Roma, 18 anni fa vinse il titolo mondiale proprio in Germania. “De Rossi non mi ha dato consigli particolari, abbiamo un bel rapporto, parliamo di tutto, ma non ci siamo particolarmente confrontati su questo. È stato un campione, ha vinto il Mondiale, è stato uno dei migliori centrocampisti italiani e qualsiasi consiglio mi dà è sempre un piacere per me”.

Infine un focus sulle favorite: “Ci sono tante squadre forti come l’Inghilterra e la Francia, squadre con giocatori che hanno più esperienza europea, che hanno più coppe sulle spalle. Però siamo un’ottima squadra, una squadra giovane che ha voglia di crescere e dimostrare qualcosa durante il torneo. Abbiamo un allenatore davvero forte. Dobbiamo puntare al massimo senza porci limiti. Sappiamo di poterci giocare le nostre carte con chiunque”.