Anconitana, Marconi: «Ora ne risponderanno tecnico e giocatori...»

Eccellenza Marche
12.11.2019 22:00 di Nicolas Lopez   Vedi letture
Fonte: corriere adriatico
Anconitana, Marconi: «Ora ne risponderanno tecnico e giocatori...»

«Devo chiedere scusa ai tifosi per quello che facciamo vedere, è arrivato il momento di tirare la riga. Abbiamo toccato il fondo perché un misero pareggio come quello con il Montefano non può certamente soddisfarci».

Non usa mezzi termini il presidente dell’Anconitana, Stefano Marconi, intervenuto, come di consueto, durante “Punto biancorosso" del lunedì sulle frequenze di Radiotua e RMM 606: «Di questa situazione dovranno rispondere sia l'allenatore che i giocatori perché le responsabilità vanno condivise. La squadra è impaurita, timorosa e non si capisce bene quale sia la causa. I risultati non sono soddisfacenti, il campionato non è finito e la società ha le risorse per correggere queste situazioni. Abbiamo già intercettato alcune soluzioni».

Domenica, al termine del match chiuso sullo 0-0 con il Montefano, sono piovuti fischi sulla squadra e cori contro mister Davide Ciampelli: «Non abbiamo preso decisioni ma stiamo monitorando la situazione, non è detto che debba essere puntato il dito esclusivamente su una persona. La rosa messa a disposizione dell’allenatore ha dei valori ma questi valori vanno tirati fuori. Nessuno ha detto che Ciampelli sia intoccabile, tutti sono sotto esame perché Ancona come città e tifoseria ha tutto il diritto di pretendere di più. Salvo solo Visciano, Trombetta e il portiere Battistini». Per dicembre, mese del mercato di riparazione, c’è ancora tempo ma sicuramente saranno apportati dei correttivi a questa rosa: «Stiamo valutando diversi profili, questa squadra che pareggia tutte le domeniche non ci può soddisfare. Le segnalazioni sulle cose da cambiare devono arrivare dall’area tecnica e noi mettiamo a disposizione un budget. Dobbiamo rimediare a questa situazione che definisco debacle. Se a questa società serva un DS? Trovo che questo non sia rispettoso verso Matteo Bartoloni e

Giuliano Santinelli che mi hanno aiutato e mi stanno aiutando molto.». La chiusura sulla partita di domani (ore 15 al Del Conero) con il Porto d’Ascoli valida per l'andata della semifinale della fase regionale di Coppa Italia d'Eccellenza: «Arriveremo a questo appuntamento rimaneggiati e non avremo Micucci che è ancora in ospedale per il trauma cranico subito e non lo rischieremo. Speriamo di trovare la forza di reagire, ormai anche i calciatori hanno capito che la pazienza è quasi esaurita. Non possiamo più andare avanti in queste condizioni».