Equipe Campania, Afragolese k.o. a Cardito: attaccanti sugli scudi

19.09.2019 18:45 di Stefano Sica   Vedi letture
Equipe Campania, Afragolese k.o. a Cardito: attaccanti sugli scudi

Finisce 4-2 per l'Equipe Campania l'allenamento congiunto disputato questo pomeriggio con l'Afragolese, capolista del girone A di Eccellenza campana. Buon test per i rossoblù di Giovanni Masecchia, il quale ha schierato le seconde linee nel primo tempo per poi dare spazio ai big nella ripresa. Equipe che, al Papa di Cardito, si presenta con Lombardo tra i pali e una linea difensiva composta da Marco Ferrara a sinistra, Savarise sull'altra corsia e il tandem centrale Vincenzo Russo-Pasqualino Esposito. A centrocampo ci sono D'Anna in regia e Fausto Coppola con La Montagna interni, Laringe agisce al centro dell'attacco assistito da Ragosta e Troianiello.

Subito in gol gli svincolati AIC con Laringe che esegue un piattone vincente raccogliendo l'assist di D'Anna su corner di Troianiello, il quale si farà poi neutralizzare una bella conclusione da distanza ravvicinata. Ragosta griffa il raddoppio con una fiondata dai 30 metri, quindi Laringe sfugge alla retroguardia rossoblù e non trova la porta a colpo sicuro, prima che Russo mandi alto un colpo di testa su cross al bacio di D'Anna, evidentemente ispirato dal suo inedito compito di play davanti alla difesa. L'Equipe fa la partita e l'Afragolese è in difficoltà: Laringe, tra i migliori dei suoi, sfiora il palo con una botta di estrema precisione e il primo tempo si chiude con la squadra di Masecchia sotto 2-0 e gli ospiti che possono recriminare per qualche chance di troppo non sfruttata.

Ad inizio ripresa, il tecnico rossoblù manda in campo tutti i suoi uomini migliori: dentro, tra gli altri, Marzullo, Fava e Befi che, sul filo del fuorigioco, riapre il match freddando Cioce (che nel frattempo aveva rilevato Lombardo). Il duo Tudisco-Rinaldis inserisce invece Caiazzo, Gennaro Esposito, Romano, Cavaliere e Letizia: fuori rispettivamente Savarise, D'Anna, La Montagna, Coppola e Laringe. Subito Letizia porta l'Equipe sul 3-1 con un tocco da pochi metri sul primo palo, andando poi ad un passo dal poker con un lob alto di un soffio. Ragosta ci prende gusto e prova a replicare la sassata del primo tempo, ma stavolta il pallone accarezza il palo. Si sveglia l'Afragolese e sale in cattedra il solito Fava, che prende letteralmente per mano i suoi: l'attaccante, 42 anni compiuti a marzo, si alza in cielo per azzannare un pallone alla sua maniera, ma non centra la porta. Quindi Marzullo raccoglie una corta respinta della difesa e ribadisce in rete per il 2-3, prima che Fava si costruisca due nitide occasioni per il pareggio: sulla prima, il suo diagonale va largo, sulla seconda è bravo Cioce ad intuire una staffilata velenosa dalla distanza. Passata la paura dopo questo mini break rossoblù, l'Equipe riprende in mano le operazioni: abile la giocata di La Montagna (nel frattempo rientrato in campo), che si porta la palla dal destro al sinistro con una raffinata girata finale che non trova fortuna. Potente e ad effetto la conclusione di Caiazzo (palla a lato), prima che Letizia chiuda i giochi andando a finalizzare con destrezza una manovra da applausi. Ennesima prova convincente per il gruppo del direttore tecnico Guglielmo Tudisco: i suoi ragazzi - che a fine partita hanno festeggiato insieme ai colleghi rossoblù il compleanno di Russo e l'onomastico di Esposito e Troianiello - hanno raggiunto ormai una condizione fisica ragguardevole e un meccanismo tattico oliato in due mesi di lavoro. Va da sé che si è trattato di una gara probante anche per l'Afragolese, in vista della sfida interna di domenica prossima col Barano. 

L'Equipe osserverà domani una giornata di riposo, chiudendo la settimana lavorativa sabato mattina con una seduta di allenamento al Vallefuoco, prima della ripresa prevista per lunedì 23.