Dall'Eccellenza alla Nazionale: perché Dilettanti non è affatto un limite

25.03.2021 00:00 di Anna Laura Giannini   Vedi letture
Dall'Eccellenza alla Nazionale: perché Dilettanti non è affatto un limite

Ailton Jorge dos Santos Soares, per gli amici Dodò, è partito nel 2009 da Capo Verde per inseguire il sogno di diventare un calciatore professionista.

Arrivato in Italia dopo un viaggio infinito, qualche giorno più tardi perde i documenti ed è stato costretto a vivere per 5 anni da clandestino. La mattina fa l’idraulico, la sera gioca nei tornei amatoriali a Napoli. Ed è proprio sui campi di periferia che, nel 2015, un dirigente dell'Isola Di Procida Calcio lo nota e lo tessera. Dall’isola di Capoverde a quella campana, Dodò trova presto una seconda famiglia e segna valanghe di gol in due stagioni in Eccellenza.

L’anno dopo con il Napoli United contribuisce alla scalata dalla Promozione all’Eccellenza. Dal 2019, Dodò è a tutti gli effetti un calciatore professionista. Ora gioca nella Premier League maltese, nell’Hamrun Spartans Football Club, dove ha segnato 13 gol in 23 presenze, numeri che gli sono valsi la convocazione nella Nazionale capoverdiana per le gare di qualificazione alla Coppa d’Africa 2021.

Un traguardo incredibile per un ragazzo che ha iniziato nel calcio dilettantistico e che ha coronato il suo sogno lottando ogni giorno, dentro e fuori dal campo.