Il Taranto stende il Brindisi: il derby lo decide un lampo di Acquadro

22.11.2020 16:50 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fonte: mondorossoblu
Il Taranto stende il Brindisi: il derby lo decide un lampo di Acquadro

Dopo oltre un mese di stop si torna finalmente a parlare di calcio giocato e nel giorno di Santa Cecilia, mutilata dal mancato appuntamento con le pastorali tipiche dell’alba tarantina, la partita suona come un segnale positivo. Taranto e Brindisi si ritrovano per un derby sentito per tanti motivi, in primis il senso di “normalità” ritrovata. Gli ospiti sono orfani dello squalificato Cerone, mentre mister Laterza non fa affidamento su Ferrara (dirottato in tribuna), mentre in panchina si accomodano Stracqualursi, Lagzir e Matute. Si rivede in panca anche Gonzales dopo l’infortunio.

PRIMO TEMPO – Il ritmo iniziale è blando, come se le squadre non fossero più “abituate” a disputare partite. Col passare dei minuti si torna ad avere confidenza col campo e al 12’ è la rovesciata di Lacarra su assist di Palumbo a “bagnare” i taccuini. Al 25’ lo imita Acquadro, ma la posa è sgraziata e il tiro è altissimo. Al 27’ ci prova Marsili dal limite, ma la palla è ancora alta. La partita si accende dal punto di vista agonistico e fisico, con i rossoblù che spingono e gli adriatici che si abbottonano per ripartire in contropiede. Al 40’ i rossoblù passano in vantaggio: il cross di Caldore viene raccolto di testa da Acquadro che allunga la traiettoria beffando l’esperto Pizzolato. Il Brindisi accusa il colpo ma c’è poco tempo per concretizzare azioni pericolose.

SECONDO TEMPO – Il Brindisi sfoga le proprie velleità nei primi minuti della ripresa, ma poi il Taranto riprende il pallino del gioco ma il primo quarto d’ora è caratterizzato da molte imprecisioni da ambo le parti. Il Taranto intorno al 60’ ha due occasioni, la prima con Guaita, ma il suo tiro viene ribattuto in angolo; dal successivo corner, Caldore di testa viene fermato senza patemi da Pizzolato. Nel valzer delle sostituzioni segnaliamo l’esordio di Calemme per i rossoblù. Al 67’ Maglie, da poco entrato in casa Brindisi, in diagonale spara alto. È solo una parentesi, però: i rossoblù di casa riprendono subito in mano la gara, evitando che il Brindisi possa rendersi pericoloso. Il mese di stop si fa sentire nelle gambe e nella testa dei calciatori: la partita si frammenta, i falli aumentano e la stanchezza aumenta. All’87 Palumbo dal limite si coordina bene ma la palla finisce sopra la traversa. Entrano Mastromonaco e Straqualursi, il Taranto cerca di guadagnare tempo. Al 96’ ci prova Pizzolato a segnare, ma il portiere brindisino è sfortunato.

TARANTO-BRINDISI 1-0 40’ pt Acquadro (T)

TARANTO (4-2-3-1): Sposito; Boccia, Guastamacchia, Rizzo, Caldore; Marsili, Diaby (40’ st Marino); Guaita (43’ st Stracqualursi), Acquadro (17’ st Matute), Falcone (21’ st Calemme); Serafino (43’ st Mastromonaco). A disp.: Stasi, Gonzalez, Shehu, Lagzir. All.: Laterza.

BRINDISI (3-5-2): Pizzolato; Sicignano, D’Angelo, Boccadamo; Palumbo, Botta, Iaia, Clemente (41’ pt Merito), Nives (18’ st Maglie); Palazzo, Lacarra (30’ st Faccini). A disp.: Lacirignola, Dario, Nocerino, Pizzolla, Zanghi, Giovane. All.: De Luca.

ARBITRO: Rispoli di Locri. Assistenti: Tomasi e Castagna.
Ammoniti: Serafino (T), Caldore (T), Botta (B), Lacarra (B), D’Angelo (B), Merito (B).
NOTE: gara disputata a porte chiuse in ottemperanza delle misure anti covid-19. ANGOLI: 3-2. Rec.: 3’ pt, 6’ st.