Grana Nocerina: indagato il presidente Maiorino per attività di gestione rifiuti non autorizzata

24.11.2020 16:09 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Grana Nocerina: indagato il presidente Maiorino per attività di gestione rifiuti non autorizzata

I Carabinieri del Noe hanno individuato nuovi stoccaggi illeciti di rifiuti speciali nelle acque del fiume Sarno. Nei guai sono finite due aziende di Sarno e Pagani, che rientrano tra le 247, operative in diversi settori a ridosso di canali di depurazione, irrigamento, torrenti e affluenti del Sarno e che da questa estate sono finite sotto le luci dei riflettori delle procure di Nocera Inferiore, Avellino e Torre Annunziata.

In particolare, sotto la lente d’ingrandimento c’è la So.I.Ge.A. srl, che si occupa di recupero rifiuti speciali non pericolosi ed ha sede nell’area Pip di Sarno. Il responsabile della società è stato denunciato per gestione dei rifiuti non autorizzati e sanzionato in base al testo unico ambientale. Si tratta di Paolo Maiorino (68 anni, presidente della Nocerina).

Le indagini del Noe hanno fatto emergere l’illecito utilizzo a discarica di una superficie di 2000 mq, su cui erano stoccate circa 700 tonnellate di miscele bituminose, rifiuti da demolizione e terre da scavo: l’area è stata così posta sotto sequestro.

I controlli hanno riguardato un impianto di recupero e riciclaggio di cascami e rottami metallici, la Sa.Ma.Fer, dove è stata rilevata la presenza di circa 35 tonnellate di rifiuti speciali costituiti da metalli ferrosi, apparecchiature fuori uso, ferro e acciaio ed imballaggi in materiali compositi, stoccati illecitamente ed in modo incontrollato in un’area di piazzale scoperta ed esposti agli agenti atmosferici. L’area di circa 400 mq è stata sequestrata. La legale rappresentante, Mariangela Giordano (34enne di Pagani), è stata denunciata.