Turris, il dg Primicile: "Con mister Fabiano ci siamo già confrontati. Confermeremo buona parte della rosa"

28.05.2020 08:44 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoturris
Turris, il dg Primicile: "Con mister Fabiano ci siamo già confrontati. Confermeremo buona parte della rosa"

Lunga chiacchierata con il dg Rosario Primicile, che a “4 chiacchiere sulla Turris” si è espresso su vari temi, cominciando dall’imminente ufficialità della promozione in C: “Aspettiamo la ratifica della promozione in serie C. Colantonio sarà in contatto con i vertici della LND e con lo stesso Sibilia, che dal Consiglio Federale gli darà in diretta la notizia, appena ci sarà l’ufficialità. E immediatamente la gireremo attraverso i nostri organi di stampa”.

Sulla riforma: “E’ giusto pensare ad una riforma, ma non in questo momento e non nelle modalità vociferate ultimamente, infatti deve essere sempre il campo poi a stabilire quali squadre entrebbero in un eventuale nuovo format o categoria. Farlo a tavolino sarebbe ingiusto. Togliere lo status professionistico alla terza serie significherebbe toglierle dei contributi vitali per le squadre che ne fanno parte, dato che le mutualità sarebbero tutte appannaggio della serie A e B. Significherebbe la morte per questa categoria. Una serie C a salvarti con status dilettantistico sarebbe molto più costosa di una serie D a vincere. Sarei più propenso per lasciare le come sono allo stato attuale. Ci sono esempi positivi come Paganese e Cavese, che da anni riescono a sostenere la categoria con gestioni egregie”.  

Sulle scelte tecniche: “Anche qualora non dovessero esserci più gli importanti contributi della valorizzazione giovani, il budget messo a disposizione dal presidente è sufficiente per fare una C più che dignitosa. La conferma di Fabiano era doverosa dopo i risultati ottenuti sul campo. Con il mister già ci siamo confrontati, abbiamo già tratto delle indicazioni su chi riconfermare dell’attuale rosa. L’idea è comunque quella di mantenere buona parte dell’organico, andandolo a puntellare con degli innesti di categoria, se non di livello superiore. Abbiamo già contattato qualche giocatore, ma giustamente si aspetta la naturale fine del contratto con la squadra di appartenenza per poi definire meglio la trattativa…”.  

Sulla questione stadio: “C’è stato un ulteriore confronto con la Lega Pro sul da farsi per adeguare l'impianto a tutti i parametri richiesti. Oltre ai lavori menzionati in passato, ci sono altre mancanze, risolvibili però in pochi giorni. L’impianto di videosorveglianza potrebbe essere ultimato la settimana prossima con tutte le telecamere. Ciò che invece continua a destare grande preoccupazione in tutti noi è la questione illuminazione, perché secondo le ultime informazioni da noi raccolte pare che i fari siano ancora bloccati in Cina, tanto che la ditta pare stia provvedendo a farli arrivare tramite trasporto aereo e non più ferroviario. E’ il caso di cominciare a pensare ad un piano B, perché non possiamo più aspettare”.

Sulla Curva Vesuvio: “Il presidente è disposto a confrontarsi con gli esponenti del tifo organizzato per valutare se fosse un’ipotesi loro gradita l’utilizzo della Curva Vesuvio, con la capienza attuale (per ora di circa 170 posti), in modo da avere un settore popolare anche l’anno prossimo. Qualora questa proposta non dovesse riscontrare parere positivo, sfrutteremo la curva per i bambini delle scuole. Per aumentare la capienza della stessa è necessario aggiungere un’uscita di sicurezza, cosa non impossibile ma che richiede tempo, risorse economiche e studio tecnico di fattibilità. Insomma, non una cosa che si può fare nell'immediato...”.