Follonica Gavorrano, Grossi: «Non sarà un campionato facile»

15.10.2020 14:45 di Massimo Poerio   Vedi letture
Follonica Gavorrano, Grossi: «Non sarà un campionato facile»

Luca Grossi è il tecnico della squadra Allievi del Follonica Gavorrano che si appresta ad affrontare una stagione breve, ma intensa.
Il girone provinciale infatti sarà composto solamente da nove compagini.

Mister oramai ci siamo con il campionato  alle porte, che sensazioni ha?
«Sicuramente positive. Il gruppo è motivato e si è allenato sempre con costanza e determinazione. Aggiungo anche che la vicinanza che sentiamo della società non ci può far altro che bene. Vedere spesso il dg, Filippo Vetrini, al campo sportivo durante la settimana è un ulteriore stimolo per fare bene».

Non è un caso infatti che tutte le squadre del settore giovanile avranno lo stesso kit da gara della prima squadra…
«Questi sono i piccoli dettagli che fanno la differenza, che ci fanno sempre più amare questa maglia e rendere consci di rappresentare un contesto territoriale che va da Gavorrano a Follonica passando da Scarlino. Una cosa che ci inorgoglisce. Vi posso garantire che i ragazzi hanno molto apprezzato questa scelta».

Parliamo di calcio giocato, che campionato si attende?
«Sicuramente non facile. Essere in un girone composto solamente da nove squadre è una cosa insolita. Sarà una stagione corta, ma intensa e vincerà chi farà meno passi falsi. Partiamo con l’intenzione di fare bene e conquistare il primo posto».

Quale è la qualità principale del suo gruppo?
«Sono tutti bravi ragazzi sotto l’aspetto comportamentale. Oramai sono cresciuti calcisticamente insieme e questo non fa altro che agevolare il mio lavoro. Come qualità direi la costanza sia nella presenza sia nell’intensità e nella concentrazione che mettono in campo in ogni seduta di allenamento».

Mister cosa vuol dire ai genitori dei suoi ragazzi?
«Sicuramente che qui crescono e maturano in un ambiente sano e con dei valori sportivi importanti. Per il resto non ho nulla da eccepire, perché tutti sanno che per dubbi o consigli sono sempre a disposizione. Un’ultima cosa vorrei però aggiungere; vorrei ringraziare Paolo Berardi che è un collaboratore fondamentale ed è parte cruciale del nostro progetto».