Arcetana, nemmeno domenica si gioca. «C'è un positivo al covid-19...»

Eccellenza Emilia Romagna
22.10.2020 21:15 di Davide Guardabascio   Vedi letture
Foto di © Guido Rinaldi
Foto di © Guido Rinaldi

La lunga sosta agonistica dell'Arcetana prosegue ulteriormente: i biancoverdi non scenderanno in campo nemmeno domenica prossima. L'agenda aveva in serbo il duello casalingo col Nibbiano Valtidone, valevole per la terza di campionato: tuttavia, i problemi legati al Coronavirus impediscono di giocare pure stavolta.

"Tra i nostri giocatori è stata confermata una positività al Covid - informa il ds biancoverde Fabio Chiarabini - Di conseguenza, come da regolamenti, anche la gara con il Nibbiano Valtidone deve essere rinviata a data da destinarsi. A questo punto noi dovremmo giocare mercoledì 28 ottobre sul terreno del Campagnola Emilia, in occasione del recupero di Coppa: tuttavia i punti interrogativi non mancano, e verranno sciolti soltanto nei prossimi giorni". 

Così, l'unico impegno ufficiale fin qui disputato dall'Arcetana resta sempre quello dello scorso 11 ottobre: in tale occasione, il Felino ha espugnato via Caraffa per 0-1 in occasione della prima di campionato. A seguire domenica scorsa i biancoverdi non hanno potuto affrontare la trasferta contro la Fidentina, valevole per la seconda giornata: in questo caso, il recupero resta ancora da fissare. Tutto ciò fino ad arrivare a ieri, quando i problemi legati al Covid hanno costretto a rinviare il duello di Coppa con il Campagnola.

"Si tratta di uno stop forzato di cui avremmo fatto molto volentieri a meno - commenta il difensore biancoverde Gianluca Fiorini - Tuttavia, adesso il rispetto delle norme e dei regolamenti ha indubbiamente l'assoluta precedenza: la salute prima di tutto. Dal punto di vista strettamente calcistico, questa pausa inaspettata ci ha permesso di riflettere con calma su tutto ciò che non è andato durante l'incontro col Felino. D'altro canto, il programma di allenamenti ha subìto un inevitabile stravolgimento: ciò non rappresenta affatto un aiuto, ma d'altro canto il campionato di Eccellenza che stiamo vivendo richiede di fronteggiare con efficacia anche questo tipo di intoppi". 

Fiorini torna inoltre sulla gara che ha sancito l'esordio biancoverde in campionato: "Contro il Felino abbiamo rimediato una sconfitta meritata, senz'ombra di dubbio - spiega il difensore di scuola Sassuolo - Gli avversari non hanno sviluppato manovre particolarmente appariscenti o spettacolari, ma sono comunque riusciti a esprimersi in modo concreto e senza ghirigori: al contrario noi siamo incappati nell'errore di adattarci troppo al gioco avversario, rinunciando a far emergere la struttura e la personalità che ci caratterizzano. Ad ogni modo, sono convinto che l'Arcetana possa e debba fare molto meglio rispetto a quanto visto l'11 ottobre scorso: confidiamo quindi di poter tornare in campo molto presto, per darne prova in modo chiaro e inequivocabile". 

Intanto, anche il confronto con il Nibbiano Valtidone dovrà attendere: "La formazione piacentina è tra quelle che si sono spese di più in sede di mercato - sottolinea Fiorini - Di conseguenza, domenica la nostra agenda agonistica sarebbe ripartita in modo decisamente severo: ad ogni modo avremmo affrontato la sfida senza alcun timore, sospinti dalla ferma volontà di cogliere una chiara occasione di riscatto per giunta contro un'avversaria di elevato livello". Con Gianluca Fiorini c'è inoltre spazio per una battuta a livello personale: "Fin qui sto davvero lavorando bene, e pure la condizione fisica sta dando risposte incoraggianti. Più in generale, l'Arcetana non smette mai di impressionarmi favorevolmente: sia per lo spirito di gruppo che si respira all'interno dell'organico, sia per il solido e credibile assetto che contraddistingue la compagine societaria".