Foligno forza quattro, l'Oratorio San Giovanni Bosco va al tappeto: è Eccellenza

Promozione Umbria
15.04.2018 23:02 di Anna Laura Giannini  articolo letto 88 volte
Foligno forza quattro, l'Oratorio San Giovanni Bosco va al tappeto: è Eccellenza

Il triplice fischio dell’ arbitro Arcese di Perugia in una frazione di secondo fa sparire un recente passato fatto di bocconi amari per il calcio folignate: lo sprofondo dai pro alla D, il fallimento, le tante vicissitudini e cambi di proprietà e la radiazione nel febbraio 2017. La rinascita del Foligno è partita in estate dal basso, dalla Promozione, con il cambio di denominazione della Nuova Fulginium e un progetto che ha coinvolto la città: la prima pietra è stata messa. Adesso per il Foligno Calcio e i folignati è il tempo di festeggiare un campionato vinto. L’ultimo fu quello di C2 nel 2006/2007 con Giovanni Pagliari al timone. Per i tifosi bianco-azzurri il modo migliore per ricordare il 15esimo anniversario della scomparsa di Marco Bucciarelli, a cui è intitolata la Curva del “Blasone”. Il Foligno ha meritato di vincere, nonostante la Ducato abbia dato filo da torcere: è servita una stagione dai grandi numeri alla squadra del presidente Guido Tofi e del tecnico Antonio Armillei, per l’approdo in Eccellenza. In 28 giornate (ne mancano ancora due alla fine) i Falchi hanno messo insieme 24 vittorie, due pareggi e due sole sconfitte. I tre punti decisivi, che fanno esplodere la gioia, sono quelli con l’Oratorio San Giovanni Bosco (4-1). 


LA PARTITA DEL TRIONFO - Prima del fischio iniziale il presidente Guido Tofi ha deposto un mazzo di fiori sotto la Tribuna per ricordare il 15esimo anniversario della scomparsa del tifoso Marco Bucciarelli, a cui è intitolata la Curva folignate. Poi via alle danze davanti ad almeno 500 spettatori. Foligno che inizia subito carico, con rapidità di manovra e decisione nel recupero palla: al 13’ Gjinaj serve sul lato corto dell’area Cascianelli che supera l’uomo, entra in area e la restituisce al compagno; la difesa ternana non gli permette di tirare e allora appoggio indietro per Biviglia, ma la sfera finisce alta. Al 17’ invece su cross dalla destra il portiere Conti non trattiene e Cavitolo si avventa sul pallone vagante, ma non centra la porta. Passano pochi secondi ed ecco il gol che fa esplodere il “Blasone”: penetrazione della fascia destra in area, Braccalenti in diagonale impegna Conti che non riesce a bloccare e sottomisura Gjinaj insacca (1-0). Lo stadio folignate diventa un catino bollente e i Falchi non allentano la presa: al 19’ Gjinaj di tacco trova il “gemello del gol” Braccalenti, ma Conti gli manda la conclusione in angolo. La pressione bianco-azzurra prosegue e al 20’ trova il suo frutto: cross dalla sinistra che Conti smanaccia male, Cavitolo dalla parte opposta stoppa, rientra sul sinistro e fulmina il portiere ternano. L’Oratorio reagisce al 27’: Gadji viene imbeccato in area da Perni, ma Roani respinge il suo tiro a incrociare. È però un fuoco di paglia: al 32’ il Foligno cala il tris. L’azione parte da un cross di Braccalenti sul secondo palo, Gjinaj viene spinto da Martone al momento di colpire di testa da Martone. Per Arcese è rigore e Gjinaj trasforma dal dischetto. La festa del gol prosegue al 4’: palla in profondità per Braccalenti che vede Conti fuori dai pali e lo infila da fuori area con un pallonetto di controbalzo (4-0). Gli artigli del Falco continuano ad affondare nella difesa ternana anche al 10’: azione prolungata avviata da Gjinaj, proseguita da Braccalenti, poi Cascianelli e pallone dalla parte opposta per Cavitolo, che libera il sinistro stoppato però dalla traversa. Foligno che con il passare dei minuti comincia a sentire aria di festa e al 18’ l’Oratorio accorcia, con una punizione di Perni dalla sinistra lasciata sfilare in area e che sorprende tutti, Roani compreso (4-1). Poi più niente, si aspetta la festa. 

FOLIGNO – ORATORIO SAN GIOVANNI BOSCO 4-1

FOLIGNO: Roani, Ziarelli, Pagliarini (39’ st Montanari), Biviglia (12’ st Salvucci), Petterini, Bucciarelli (30’ st Baldoni), Gjinaj (19’ st Toma), Agostini, Braccelenti, Cavitolo, Cascianelli (19’ st Iachettini). 
A disp.: Palanca, Bocciolini. All.: Armillei. 
ORATORIO SAN GIOVANNI BOSCO: P. Conti, Nori, Martone (38’ pt Argenti), Cardinali, Fonzoli, Accorroni (33’ pt Petrioli, 35’ st Roux), Borrello, Buono, Gadji (39’ st Zomparelli), Perni, Xeka (30’ st Brunetti). 
A disp.: Mancini, Magelli. All.: Porrazzini (squalificato). 
ARBITRO: Arcese di Perugia (Tosti di Gubbio – Cicalini di Perugia). 
MARCATORI: 18’ pt e 32’ pt rig. Gjinaj, 20’ pt Cavitolo, 4’ st Braccalenti (F), 18’ st Perni (OSG). 
NOTE: spettatori 500 circa. Ammoniti: Ziarelli (F), Martone (OSG), Petrioli (OSG), Agostini (F). Angoli: 32. Recupero: 1’ pt e 4’ st.