UFFICIALE: Dalla D alla Premier League, De Zerbi è il nuovo allenatore del Brighton

19.09.2022 01:15 di Davide Guardabascio   vedi letture
UFFICIALE: Dalla D alla Premier League, De Zerbi è il nuovo allenatore del Brighton

Chissà se aveva immaginato un futuro in Premier League il tecnico Roberto De Zerbi quando cominciò ad allenare in Serie D il Darfo Boario nella stagione 2013-2014. Quel che è certo è che il tecnico italiano cominciò il proprio percorso così, tra i dilettanti, ed oggi è ufficialmente il nuovo allenatore del Brighton dove va a sostituire Graham Potter, passato come not al Chelsea. Roberto De Zerbi a nuovo allenatore del club con contratto quadriennale, previa concessione di un permesso di lavoro.

Il 43enne italiano ha concordato i termini contrattuali finali con il club domenica pomeriggio, dopo aver incontrato per la prima volta Tony Bloom, Paul Barber e David Weir a Londra all'inizio di questa settimana.

È volato nel Sussex per la prima volta venerdì sera e sabato pomeriggio ha assistito a un'amichevole a porte chiuse all'Amex.

Il presidente Tony Bloom ha dichiarato: “Sono assolutamente entusiasta che Roberto abbia accettato di diventare il nostro nuovo allenatore. Le squadre di Roberto giocano un calcio eccitante e coraggioso e sono fiducioso che il suo stile e il suo approccio tattico si adatteranno perfettamente alla nostra squadra esistente”.

Il direttore tecnico David Weir ha dichiarato: “Roberto ha dimostrato la sua indubbia capacità con il suo lavoro in Italia e Ucraina, e quello che ha realizzato al Sassuolo sicuramente spicca. Nel suo breve periodo con lo Shakhtar ha goduto di ulteriori successi, portando il club al successo in coppa e in cima al campionato ucraino prima che la guerra interrompesse bruscamente il suo tempo lì. Siamo lieti di dare il benvenuto a Roberto e non vediamo l'ora di presentarlo alla nostra rosa, oltre a fornire tutto il supporto di cui ha bisogno per introdurre la sua filosofia di allenatore e aiutare i giocatori a continuare il loro brillante inizio di stagione".

Il vicepresidente e amministratore delegato Paul Barber ha aggiunto: "Abbiamo esaminato una serie di candidati eccellenti, ma Roberto è stata la nostra scelta numero uno sin dall'inizio e l'unica persona con cui abbiamo parlato.

“Non è un segreto che il nostro presidente monitori costantemente i potenziali allenatori, sia qui nei nostri campionati nazionali, in tutta Europa e in tutto il mondo come parte del nostro lavoro di pianificazione della successione.

"Riteniamo che Roberto sia la persona ideale dal punto di vista culturale e tecnico per il Brighton & Hove Albion e la persona giusta per continuare i progressi del club e lavorare con questo eccezionale gruppo di giocatori".

Roberto si è fatto le ossa ad allenare nelle serie inferiori italiane, con Darfo Boario e Foggia. Sono seguiti gli incantesimi in Serie A con Palermo e Benevento, prima di diventare allenatore del Sassuolo, dove il suo stile offensivo e l'approccio basato sul possesso palla hanno davvero attirato l'attenzione.

Ha portato il piccolo club emiliano all'ottavo posto in Serie A, prima di accettare l'offerta per lo Shakhtar Donetsk. Il suo tempo in Ucraina è stato interrotto dall'invasione russa, ma non prima di aver guidato il club alla Supercoppa ucraina, e se ne è andato con il club in testa alla prima divisione.

Una volta elaborato il permesso di lavoro necessario, Roberto sarà il primo allenatore italiano di Albion. Sono stati anche concordati contratti con la sua squadra di allenatori, soggetti a permessi di lavoro, con l'intenzione che il gruppo sarà in campo per la partita di Albion ad Anfield contro il Liverpool sabato settimana.

In segno di rispetto a Sua Maestà la Regina Elisabetta II, il club ha ritardato l'introduzione formale di Roberto ai media fino a martedì pomeriggio.