Fermana tra ansia e speranze: nuovi alleati all'orizzonte?

Vecchiola chiude le porte, ma la squadra guarda avanti con la cordata Rosati-Gammieri e possibili alleati campani. Le risorse dalla Lega portano respiro.
09.12.2023 17:15 di Paolo Catena   vedi letture
Fermana tra ansia e speranze: nuovi alleati all'orizzonte?

Ieri è stata una giornata intensa per i dirigenti e i consulenti della Fermana, che cercano disperatamente una via d'uscita dalla situazione difficile in cui la squadra sembra essersi impantanata.

Vecchiola rifiuta - Nella serata di giovedì, si è svolto un confronto tra il sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro, il consulente gialloblù Massimiliano Tintinelli e l'ex patron Maurizio Vecchiola. Il confronto, della durata di quasi 2 ore, ha avuto esito negativo. L'intento era di chiedere nuovamente all'imprenditore di contribuire al salvataggio della Fermana, facendo riferimento a promesse parziali fatte in passato anche per la stagione in corso. Tuttavia, Vecchiola sembra aver chiuso quasi completamente le porte alla dirigenza attuale della squadra. Questo evento costringe ad orientare le energie altrove, chiudendo definitivamente un capitolo che, se lasciato aperto, rischia di generare aspettative non corrisposte.

Nuovi interlocutori in vista - In breve, con Vecchiola fuori dal quadro, la società si trova in attesa di capire le intenzioni della cordata rappresentata dall'ex direttore sportivo Gianni Rosati e dall'avvocato Gammieri, disposti ad anticipare parte del pagamento entro il 16 dicembre. Nel frattempo, la società sta esplorando altre possibilità con occhi preoccupati, cercando nuovi potenziali interlocutori.

Recentemente, è emersa un'altra opzione: un gruppo di imprenditori campani già attivi nel mondo del calcio, con quote in una squadra di Serie C e la proprietà di un club dilettantistico, impegnati anche in ambito sociale e sportivo paralimpico. Sono in corso incontri per valutare le reali intenzioni e la serietà del gruppo, che si è dichiarato disponibile a operare sul mercato di gennaio, qualora si raggiunga un accordo in tempo utile.

Seconda tranche di risorse dalla Lega - Nel frattempo, la Lega ha erogato alla Fermana la seconda tranche di risorse relative al minutaggio effettuato dalla 8ª alla 14ª giornata di campionato. Dopo i primi 63 mila euro per le prime sette partite, ora sono arrivati 76 mila euro nelle casse canarine, rappresentando una boccata di ossigeno. Tuttavia, va notato che solo 33 mila euro riguardano il minutaggio effettivo, mentre il resto è costituito da crediti sportivi erogati annualmente in tre periodi diversi.

Al momento, le uniche risorse concrete provengono dall'impiego di giovani, anche se il secondo pagamento ha registrato un significativo decremento in relazione al minutaggio effettivo. Questo è dovuto al tentativo di aumentare la competitività, lasciando fuori alcuni giovani provenienti dal settore giovanile canarino (pagati di più). Una riunione tecnica con l'allenatore Protti e il direttore sportivo Andreatini è stata tenuta ieri per esaminare la possibilità di un ritorno a un uso più massiccio dei giovani, esponendo cifre e problematiche e chiedendo di considerare attentamente questa situazione.

Va sottolineato che nel caso la Fermana non riesca a rispettare le scadenze dei pagamenti, ci sarà la perdita dei contributi del minutaggio, un effetto collaterale che coinvolge tutte le componenti della squadra.