Pavia, la retrocessione non ferma il progetto della nuova proprietà

14.05.2019 06:30 di Maria Lopez   Vedi letture
Pavia, la retrocessione non ferma il progetto della nuova proprietà

Archiviare l’amarezza della retrocessione e ripartire con passione e ambizione per scrivere una nuova pagina della storia del Pavia.

Quella tra domenica e lunedì, è stata una lunga notte di riflessione per Giuseppe Nucera e dei suoi collaboratori. L’imprenditore italo svizzero, in procinto di acquisire le quote di maggioranza della società azzurra, ha preso atto con grande delusione dell’esito sportivo di una stagione fallimentare: un momento di sconforto che però non frena e non pregiudica la volontà costruire con impegno e ambizione una nuova società che possa restituire senso di appartenenza e passione alla città e ai sostenitori azzurri.

Così Nucera ha diffuso una nota ufficile comunicando che sarà a Pavia la prossima settimana per formalizzare ufficialmente e chiudere la trattativa che lo vedrà protagonista dell’acquisizione delle quote di maggioranza attualmente detenute dalla presidentessa Maria Cristina Rasparini. Nei prossimi giorni la segreteria di FC Pavia 1911 inoltrerà ufficialmente la documentazione necessaria per la richiesta di ripescaggio nella speranza di poter disputare nella stagione 2019/2020 la Serie D persa sul campo

La nuova società e il nuovo staff, una volta terminato l’iter burocratico del passaggio societario, si metteranno al lavoro per pianificare un nuovo ciclo con l’obiettivo dichiarato di raggiungere la Serie C in una finestra temporale di tre anni. Entro la fine di maggio la nuova società sarà presentata alla città, ai tifosi e alle istituzioni attraverso una conferenza stampa.