Fanfulla, il presidente Barbati: "Torniamo in Lombardia dove manchiamo da alcuni anni"

16.09.2020 16:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fanfulla, il presidente Barbati: "Torniamo in Lombardia dove manchiamo da alcuni anni"

Breno, Brusaporto, Caravaggio, Casatese, Crema, Desenzano Calvina, NibionnOggiono, Ponte San Pietro, Real Calepina, Scanzorosciate, Seregno, Sona, Sporting Franciacorta, Tritium, Villa Valle, Virtus Ciserano Bergamo e Vis Nova Giussano. Sono queste le avversarie del Fanfulla per la stagione 2020-2021.
Dopo due campionati consecutivi con squadre dell’Emilia-Romagna, il Fanfulla torna a disputare a quattro anni di distanza la quarta serie con un girone, il B, prettamente lombardo. Non mancheranno le sfide riedizione del 2019-2020 vista la presenza di vecchie conoscenze come Breno, Crema, Desenzano Calvina e Sporting Franciacorta, così come diverse saranno le avversarie di grande livello. Un girone quindi stimolante per i bianconeri di mister Ciceri che non vedono l’ora di tornare in campo il prossimo 27 settembre (i calendari sono attesi per sabato).
Nel dettaglio, sono 7 le rappresentanti bergamasche (Brusaporto, Caravaggio, Ponte San Pietro, Real Calepina, Scanzorosciate, Villa Valle e Virtus Ciserano Bergamo), 3 bresciane (Breno, Desenzano Calvina e Franciacorta), 2 della provincia di Lecco (Casatese e NibbionnOggiono) e di Monza Brianza (Seregno e Vis Nova Giussano), mentre una per milanese (Tritium), cremasco (Crema) e veronese (Sona, unica società proveniente da fuori regione).
Ha seguito la diretta sui canali ufficiali della LND anche il presidente Luigi Barbati.

“Un girone bello tosto. Abbiamo visto come molte di queste squadre durante l’estate si sono rinforzate e non poco dichiarando apertamente di voler ambire alle prime posizioni, così come squadre magari meno considerate sono pronte a candidarsi come sorpresa. Dopo due ottime stagioni nel girone D torniamo in Lombardia dove manchiamo da alcuni anni. Evitiamo in questo modo trasferte particolarmente lunghe, e questo è sicuramente un bene visto che negli ultimi anni i ragazzi spesso sono dovuti anche partire alle 7 del mattino affrontando quindi viaggi importanti e dispendiosi a livello fisico e mentale. Il livello per quest’anno torno a ripetere che è molto alto, mi aspetto un campionato combattuto fino alla fine. Ho fiducia nel mister e in tutti i ragazzi, sicuramente ci faranno divertire. Come sempre però partiamo con i piedi per terra senza troppi proclami. Come nostra abitudine, facciamo parlare il campo. Ovviamente la speranza è anche quella il 27 settembre di poter iniziare con i tifosi sugli spalti, una componente importante per tutti”.