Acquisto Messina, Di Napoli garante di una cordata

07.08.2010 15:06 di Giovanni Pisano  articolo letto 1617 volte
Fonte: messinasportiva.it
Acquisto Messina, Di Napoli garante di una cordata

 

Un'offerta ed una dichiarazione d'interessamento. In poche ore l'annuncio, l'ennesimo, del presidente Arturo Di Mascio ha suscitato l'interesse di una cordata che non è ufficialmente uscita allo scoperto ma si avvale di un garante d'eccezione, come Arturo Di Napoli, e della proprietà del Città di Messina, che vuole capire se vi siano le condizioni per riaprire il discorso già avviato qualche mese fa ma chiuso anzitempo di fronte alle pretese del patron dell'ACR.
L'amministratore delegato del gruppo che conta sull'appoggio di Di Napoli è in contatto con l'avvocato Roberto Bonavita, l'advisor deputato a trattare l'eventuale cessione: l'obiettivo avere qualche certezza in più sulle carte contabili o comunque sul passivo accumulato dal sodalizio peloritano nell'anno e mezzo di gestione Di Mascio. Nonostante le smentite sarebbe coinvolta nell'operazione una cordata di imprenditori calabresi supportati da alcuni professionisti messinesi.
Di Napoli ha sottolineato che ritiene il suo gruppo già abbastanza solido e che quindi non ipotizza alcuna unione di intenti con i soci del Città di Messina. Il massimo dirigente della società nata dalle ceneri del Camaro, Elio Conti Nibali, spera nel frattempo di ottenere un colloquio con lo stesso Bonavita, per capire se è davvero percorribile l'operazione di acquisto del titolo sportivo di serie D, che consentirebbe al suo sodalizio di guadagnare un campionato che altrimenti la squadra di Foti dovrà vincere sul campo.
Da valutare infatti le reali intenzioni di Arturo Di Mascio, che dopo aver smentito la possibilità di una riduzione del prezzo di vendita, che resta fissato in 400.000 € e non comprende i debiti precedentemente contratti, non esclude comunque di proseguire la sua avventura in riva allo Stretto. I calciatori ancora in organico continueranno fino a mercoledì gli allenamenti in quel di Trevi dove il direttore generale Antonio Ciccarone ha avuto un colloquio con l'ex allenatore del Sapri Andrea Pensabene, che potrebbe essere il successore di Eziolino Capuano sulla panchina della società più imprevedibile che il calcio messinese abbia mai conosciuto.